28 maggio 2017
Aggiornato 20:00
Ripresa dalla sonda Mro della NASA

ExoMars, ecco la prova dello schianto di Schiaparelli su Marte

Questa che vedete è la sequenza di immagini che evidenzia l'incidente del lander italiano della sonda euro-russa Exomars dell'Esa su Marte. Mostra il luogo dove si è schiantato Schiaparelli per un'anomalia al software di bordo, durante la fase di discesa verso il pianeta.

DARMSTADT - Eccola la prova dello schianto di Schiaparelli su Marte. Questa che vedete è la sequenza di immagini che evidenzia l'incidente del lander italiano della sonda euro-russa Exomars dell'Esa su Marte. Mostra il luogo dove si è schiantato Schiaparelli, precipitato il 19 ottobre 2016, per un'anomalia al software di bordo, durante la fase di discesa verso il pianeta.
Nell'immagine, ripresa dalla sonda Mars reconnaissance orbiter (Mro) della Nasa, si vede il punto del Meridiani Planum, scelto per l'ammartaggio, ripreso prima e dopo l'incidente; e nella seconda immagine si nota un piccolo cratere nero che, secondo gli esperti, è proprio il segno evidente dello schianto del lander.

Errore di valutazione del computer
Per Andrea Accomazzo, responsabile delle missioni interplanetarie dell'Esa, Schiaparelli avrebbe rilasciato il paracadute frenante 50 secondi prima del previsto mentre i retrorazzi, per un'errata valutazione del computer di bordo, sarebbero stati accesi solo per pochi secondi. Il lander quindi è precipitato sul suolo del pianeta rosso da un'altezza di oltre 2mila metri, a una velocità superiore ai 300 km all'ora, con la conseguenza di un impatto devastante.