30 maggio 2017
Aggiornato 00:30
programma marco polo

PubCoder raccoglie 200K, aumento di capitale per la startup dei contenuti interattivi

PubCoder consente a editori, professionisti creativi, studenti e insegnanti di creare e pubblicare contenuti digitali interattivi e accessibili

(© )

CA’ TRON - Aumento di capitale per PubCoder, startup partecipata da H-FARM che ha sviluppato un software editoriale che consente a chiunque la costruzione di contenuti digitali complessi. L’azienda ha raccolto 200mila euro, stabilendo una valutazione post money di 4,9 milioni di euro.

PubCoder è la prima startup a chiudere un round di finanziamento grazie al Marco Polo Program lanciato da H-FARM lo scorso novembre. L’obiettivo del programma di accelerazione è di consentire a startup innovative di fare breccia con il loro business in un mercato complesso come quello cinese potendo contare sul supporto di QWOS, tra i principali brand in Cina che opera come intermediario di investimenti all’estero. «Siamo felici che la nostra strategia sia condivisa da investitori così distanti geograficamente, hanno riconosciuto il valore e la vocazione internazionale del nostro software. Il loro sostegno ci consente di consolidare il nostro posizionamento internazionale in un ambito rilevante come quello dell’Education, settore in cui H-FARM, nostro primo investitore sta investendo molto favorendo così l’intero settore italiano dell’innovazione al servizio della scuola - dichiara Paolo Giovine, di PubCoder - Ringraziamo infine il team di QWOS, che ci ha supportato nel dialogo con gli investitori cinesi e ci accompagnerà nel nostro imminente road show in Cina».

PubCoder, fondata da un team guidato da Paolo Giovine, consente a editori, professionisti creativi, studenti e insegnanti di creare e pubblicare contenuti digitali interattivi e accessibili. PubCoder è oggi pronta ad affrontare il processo di internazionalizzazione con un focus particolare nel settore Education, che rappresenta uno degli ambiti con le maggiori possibilità crescita e per il quale sono state sviluppate specifiche funzionalità. L’idea è di diventare la piattaforma di riferimento per tutti i creatori di contenuti, un link tra creativi, editori, insegnanti e studenti, così da favorire il processo di trasformazione digitale dei supporti alla didattica.

«Siamo contenti che sia andata a buon fine l’operazione d’investimento in PubCoder da parte di investors cinesi attenti ad individuare le migliori tecnologie da importare e sviluppare nel loro mercato - spiega Maurizio Rossi, co-founder di H-FARM -. È la dimostrazione che iniziative italiane di qualità e valore possono fare breccia in un contesto internazionale. Siamo molto motivati sia per il futuro PubCoder che per altre iniziative che potranno crescere nel mercato cinese».