30 maggio 2017
Aggiornato 00:30
il 27 maggio

Cecilia Nostro di Friendz a Startup Grind Torino

In un contesto che riesce a riunire professionisti, imprenditori, investitori e studenti accomunati dalla passione per il mondo startup, Cecilia sarà la protagonista di un’intervista durante la quale condividerà riflessioni e consigli utili per chi sta sviluppando un proprio progetto

Cecilia Nostro di Friendz a Startup Grind Torino (© Facebook)

TORINO - Dopo il tutto esaurito dell’evento di esordio, Startup Grind Torino torna con un appuntamento dedicato all’imprenditoria femminile. Questa volta sarà Cecilia Nostro a raccontare la sua esperienza: nel 2015 ha fondato la startup Friendz, oggi valutata 2 milioni di euro, e successivamente è stata inserita fra le 100 donne più influenti del Digital italiano.

Cecilia Nostro a Startup Grind Torino
In un contesto che riesce a riunire professionisti, imprenditori, investitori e studenti accomunati dalla passione per il mondo startup, Cecilia sarà la protagonista di un’intervista durante la quale condividerà riflessioni e consigli utili per chi sta sviluppando un proprio progetto. L’appuntamento è per sabato 27 maggio alle ore 10.00 presso Rinascimenti Sociali, in Via Maria Vittoria 38. L’evento è aperto al pubblico previa registrazione su https://www.startupgrind.com/turin/ e acquisto del biglietto. Dopo l’intervento verrà offerto un aperitivo di networking per facilitare il confronto fra i partecipanti.

Leggi anche: «La storia di Cecilia (Friendz): «Ho lasciato il posto fisso, ma ora la mia startup vale oltre 2 milioni» »

Cos’è Startup Grind
Startup Grind nasce in Silicon Valley nel 2010. Con la sua attività ha coinvolto più di un milione di imprenditori in più di 200 città nel mondo, ospitando personaggi come Nolan Bushenell (Atari), Dan Fredinburg (Google X), Reid Hoffman (LinkedIn), Charles Huang (Guitar Hero), Jessica Livingston (Y Combinator), Vinod Khosla (Sun Microsystems), Dave McClure (500startups), Nigel Morris (Capital One), Matt Mullenweg (WordPress), Ben Silbermann (Pinterest), Jon Steinberg (BuzzFeed) e Danae Ringelmann (Indiegogo).