30 aprile 2017
Aggiornato 22:00
innovazione

Cosa deve avere una nazione per attrarre talenti

Mai come oggi il benessere di una nazione è strettamente legato all’innovazione digitale e tecnologica. E quindi alla capacità di far nascere nel proprio territorio nuove imprese

(© )

ROMA - Come è facile dedurre, il benessere di un Paese passa per la sua economia. Un circolo virtuoso dove i capitali circolano in modo omogeneo, dove il tasso di povertà è ridotto e dove le popolazione vive in maniera dignitosa. Mai come oggi il benessere di una nazione è strettamente legato all’innovazione digitale e tecnologica. E quindi alla capacità di far nascere nel proprio territorio nuove imprese. Quali caratteristiche, in un Paese, possono spingerlo a farsi promotore di innovazione e di benessere attraendo talenti da tutte le parti del mondo? Il Global Power City Index, stilato dal giapponese Mori Memorial Foundation’s Institute for Urban Strategies, individua le città più magnetiche del mondo, individuando - se vogliamo in modo anche indiretto - quali sono le caratteristiche fondamentali affinché un Paese sia in grado di produrre nuova economia.

I collegamenti e l’accessibilità
Il report si è basato su una serie di fattori quali economia, ricerca e sviluppo, vivibilità, accessibilità. Influiscono notevolmente nell’attrazione di talenti la riduzione del tasso di tassazione delle imprese da parte del Governo, l’aumento del numero di visitatori provenienti dall’estero, strettamente correlato all’aumento del numero di collegamenti di voli diretti per le destinazioni estere. Fattore determinante per l’attrazione di nuovi creativi è la vivibilità e l’integrazione sociale: un Paese multiculturale, dove le varie ‘etnie’ si mischiano vicendevolmente senza fenomeni prepotenti di razzismo invoglia la permanenza rispetto a nazioni dove l’integrazione sociale è poco sviluppata. Esempio lampante in questo senso è la città di New York che da sempre subisce rivoluzioni culturali consistenti, ma che sembra aver ormai raggiunto la sua dimensione. Importante il valore che Governo e Amministrazioni pubbliche danno alla ricerca e allo sviluppo, sia in termini di valorizzazione che di fondi (ed è quello che è successo a città come Los Angels).

L’importanza della formazione
Ciò che emerge chiaramente dal report è come la possibilità di visitare un Paese possa essere il primo elemento fondamentale per un futuro stabilimento più o meno temporaneo nello stesso. La diminuzione del numero di visitatori provenienti dall’estero ha determinato, ad esempio, un calo dell’attrattività per città come Parigi, anche a seguito dei drammatici attacchi terroristici. In questa possibilità di spostamento flessibile e versatile, gioca un ruolo fondamentale la formazione. Soprattutto in Europa i Paesi attrattivi in termini di percorsi universitari e di formazione risultano più magnetici per i talenti. Se uno studente frequenta un Paese per motivi di studio, infatti, è molto più probabile che dedica di fermarsi se le condizioni di vivibilità lo permettono.

La classifica

(© )