27 maggio 2017
Aggiornato 00:00
Salute e innovazione

VIVA Technology, la competizione per startup dell'Health

Tech for health, il contest promosso a livello mondiale da Sanofi per coinvolgere le startup e gli innovatori della salute e trovare soluzioni che migliorino la qualità di vita delle persone. L’iniziativa si inserisce nell’ambito di VIVA Technology,

VIVA Technology, la competizione per startup dell'Health (© Shutterstock.com)

MILANO - Destinazione Parigi: uno dei più importanti appuntamenti mondiali per l’innovazione apre le porte alle startup declinate nelle scienze della vita. E lo fa insieme a Sanofi, gold sponsor dell’evento, che intercetta i game-changer di tutto il mondo. Si tratta di VIVA Technology, fiera mondiale dell’innovazione giunta alla sua seconda edizione. L’evento si terrà a Parigi dal 15 al 17 giugno 2017 e prevede la partecipazione di più di oltre 300 speaker, 50mila visitatori, 5mila startup. Viva Technology è dedicato alla crescita delle startup, alla trasformazione digitale e all’innovazione. Permette alle startup e alle aziende di incontrarsi per favorire meeting, sviluppare collaborazioni e presentare le ultime innovazioni.

Tech for Health, la global startup competition nella salute
All’interno di VIVA Technology prende il via Tech for health, la startup competition promossa da Sanofi a livello globale. Si va dalla telemedicina all’integrazione delle cure, fino all’accelerazione dei trial clinici. E c’è tempo fino a venerdì 31 marzo per presentare la candidatura in una delle undici le categorie che raccolgono altrettante sfide per trovare soluzioni che migliorino la qualità di vita delle persone:

1. Trovare nuove idee per la telemedicina. Migliorare l’accesso alle cure e la qualità del monitoraggio della salute da remoto. Come superare le sfide della distanza e del tempo nella relazione tra le persone e i professionisti della salute grazie alla tecnologia?

2. Accelerare i trial clinici. La tecnologia può velocizzare l’accesso all’innovazione per le persone che devono affrontare sfide di salute. Come accelerare e rafforzare i processi dei trial clinici?

3. Vivere con condizioni croniche. Progettare un «compagno di salute», una soluzione che aiuti le persone con patologie croniche nella gestione della salute e della loro vita.

4. Ripensare la mobilità e la collaborazione in Sanofi. Come creare team di successo in un contesto in crescente trasformazione? Come aumentare la collaborazione in un ambiente mutevole, internazionale e in continuo spostamento?

5. Diffondere la conoscenza su patologie e terapie. Disseminare la conoscenza tra i professionisti della salute per una migliore cura. Come si può aiutare i professionisti della salute a comprendere in profondità patologie e terapie?

6. Dalla diagnosi precoce all’azione. Una diagnosi accurata e tempestiva può scatenare una rapida presa di decisione che può fare la differenza. È possibile creare uno strumento di diagnosi preciso, pratico e accessibile che permetta l’individuazione precoce di una patologia e una rapida risposta?

Le candidature sono aperte fino a venerdì 31 marzo
Tra tutte le candidature Sanofi selezionerà le 30 startup che potranno partecipare a VIVA Technology e avere tre possibilità di riconoscimento: viaggio, alloggio e presenza standistica in fiera con un’area corner per presentare la propria idea o startup per 4 persone e nei tre giorni dell’evento (15, 16, 17 giugno 2017); partecipazione con un pitch di fronte alla giuria composta da top manager di Sanofi, top executives e opinon leader di riferimento nel mondo dell’innovazione. I progetti considerati più promettenti e convincenti dalla giuria entreranno in dialogo con Sanofi e potranno valutare la fattibilità di collaborazioni future attraverso una possibile incubazione, accelerazione fino ad un investimento da parte di una delle business Unit di Sanofi: un’attività che presuppone coaching, mentoring e, potenzialmente, un’accelerazione con il coinvolgimento dell’Innovation Team, ovvero la strutture di top manager dell’azienda. A guidare la selezione e la scelta da parte della giuria saranno la maturità della soluzione, la sua rilevanza, il potenziale mercato, il business model, le skill e l’esperienza scientifica.