25 maggio 2017
Aggiornato 16:00
exit

La startup Indabox è stata acquistata da Poste Italiane

IndaBox è una rete di bar, edicole e tabaccherie presso le quali è possibile far spedire i propri acquisti online, con un semplice click. La startup è stata acquistata da Poste Italiane

Founder IndaBox (© )

TORINO - Exit per Indabox, servizio per chi acquista prodotti su internet ma non ha un luogo comodo dove far consegnare la merce. La startup è stata acquisita da Poste Italiane attraverso il Club degli Investitori, un network di business angels piemontesi. Anche se la cifra complessiva di acquisto non è stata rivelata, si ipotizza che Poste Italiane abbia acquisito l’intera quota detenuta all’interno della startup dal Club degli Investitori, pari a un investimento fatto di 415mila euro.

Indabox è stata acquisita da Poste Italiane
Un primo round risale a luglio 2013, quando IndaBox contava 92 punti di ritiro. Lavorando a stretto contatto con i founder di IndaBox e visti i risultati ottenuti, il Club degli Investitori, nel giugno 2014, ha accordato un secondo round, con l’obiettivo di trasformare la società da semplice startup a vera e propria azienda, mettendo le basi per imporsi come leader di mercato. «Il 2016 è stato un anno particolarmente importante – dichiara Giancarlo Rocchietti, Presidente del Club degli Investitori – Directa Plus, azienda italiana nel nostro portfolio, tra i più grandi produttori e fornitori di materiali a base grafene al mondo, lo scorso maggio è stata quotata sull’AIM di Londra, mentre a fine anno, Poste Italiane ha acquisito le quote di IndaBox. Questo conferma che il processo di screening, di selezione e di scelta degli imprenditori su cui puntare, si sta rivelando efficace».

Un posto dove ritirare la merce
In un mondo dove gli acquisti online sono sempre più frequenti, dall’altra parte, tuttavia, molti utenti rinunciano a questa possibilità a causa del mancato luogo in cui farsi consegnare la merce. Molti sono costretti a rimanere "bloccati in casa" (o, peggio, costringono altri a farlo: zii, suocere o anziane madri) in attesa che arrivi il corriere. Da questa esigenza nasce IndaBox, una rete di bar, edicole e tabaccherie presso le quali è possibile far spedire i propri acquisti, con un semplice click. Queste tipologie di attività commerciali sono infatti le più diffuse sul territorio nazionale, il che consente di realizzare una rete davvero capillare, facendo sì che ogni utente possa trovare un punto di ritiro comodo presso il quale far spedire i propri acquisti. La startup, torinese, è nata dalle menti di Giovanni Riviera e Michele Calvo. Un progetto, quello di IndaBox, dalla forti potenzialità, che è cresciuto fino ad espandersi su tutto il territorio nazionale, andando a colmare un vuoto «logistico» nato dal trend del millennio dell’acquisto online: IndaBox ha superato i 3.000 punti di ritiro, ha stretto partnership tra gli altri con Carrefour e IP, e i suoi ricavi sono cresciuti di anno su anno.

Come funziona IndaBox
Visitando il sito di IndaBox, si può trovare l'elenco dei bar che hanno aderito al servizio e che sono quindi disponibili a ricevere spedizioni; è possibile trovare il bar più comodo, magari vicino a casa oppure al luogo di lavoro, grazie alla mappa disponibile sul sito. Una volta scelto il bar, si può procedere ad acquistare on-line come si è sempre fatto, su qualsiasi sito di e-commerce. Per utilizzare il servizio basterà specificare al venditore, in fase di ordinazione, che l'indirizzo presso il quale consegnare la merce è quello del bar scelto. Dopo aver ordinato, con un semplice click su indabox.it si può avvertire il bar che si sta facendo spedire qualcosa presso i suoi locali. In questo modo il Bar saprà che nei giorni seguenti arriverà il corriere per consegnare i prodotti. Una olta che il corriere consegna i prodotti, il bar invierà un SMS all'utente, avvisandolo che i prodotti sono pronti per la consegna. Il servizio ha un costo di 3 euro ed è possibile provarlo gratuitamente: registrandosi al sito e completando il proprio profilo, si otterà un bonus che consente di utilizzare il servizio in via completamente gratuita.