30 marzo 2017
Aggiornato 04:30
visual

inEDI, il coworking per i grafici e i videomaker

Il coworking si pone come obiettivo quello di creare sinergie tra i professionisti degli effetti visivi e dei contenuti digitali

inEDI, il coworking per i grafici e i videomaker (© )

MILANO - Nasce a Milano il primo spazio di coworking verticale dedicato ai professionisti del settore degli effetti visivi, della computer grafica, della produzione e post-produzione di contenuti video e digitali. inEDI è il nuovo polo aggregativo voluto da EDI Effetti Digitali Italiani nella sua sede, in via Giovanni Battista Bertini 11, e costruito su una superficie di 1.300 metri quadrati open space. Un nuovo modello di coworking nel panorama italiano, il cui valore aggiunto consiste prima di tutto nelle sinergie che permetterà di creare grazie alla vicinanza con esperti di EDI che ogni giorno sviluppano iniziative e collaborazioni di rilievo ai più alti livelli nel settore.

Un coworking per i professionisti degli effetti visivi
«L’obiettivo è promuovere l’aggregazione tra operatori e artisti, favorire uno scambio di idee ed esperienze, organizzare eventi formativi insieme alle migliori università e scuole con cui collaboriamo, come la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, l’Università IULM e il dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano - dice Francesco Grisi, socio fondatore di EDI. - Vorremmo che inEDI diventasse un incubatore e un acceleratore per freelance e startup, grazie al supporto dell’esperienza e delle competenze che abbiamo maturato in sedici anni di attività nel mondo della pubblicità e del cinema, nazionale e internazionale»

Professione e formazione
Per i professionisti è un’occasione per ricevere consigli sia tecnici, relativi ai VFX e alle proprie attività, sia di natura legale o commerciale. Per gli studenti e i giovani in cerca di lavoro, inEDI che si propone come «vivaio» in cui EDI intende coltivare i professionisti del futuro, diventa un contesto ideale per emergere. «Le prospettive anche da questo punto di vista sono ottime, dato che negli ultimi anni le richieste di VFX sono aumentate in modo significativo, soprattutto da parte del mercato estero cinematografico e ciò fa presupporre che in futuro ci sarà una crescita della domanda di figure esperte negli effetti visivi», aggiunge Grisi.

La struttura
Lo spazio di coworking offre oltre 50 postazioni suddivise in tre tipologie, differenziate da un diverso colore: l’arancione per le workstation dotate di hardware e software professionali; il blu per le scrivanie condivise dove lasciare i propri hardware e il verde per le scrivanie condivise su cui lavorare con il proprio laptop. EDI offre anche la possibilità di collegarsi alla sua render farm e di avere spazio disco sicuro e condiviso con il proprio team. Nello spazio inEDI i coworker troveranno poi sale riunioni, una sala cinema-proiezioni da 25 posti, un teatro di posa, laboratori, un bar-ristorante interno. C’è anche un corner in stile hipster: un barber shop dove periodicamente EDI proporrà su prenotazione un servizio di barba e capelli. In più, un’area relax con biliardo, videogiochi, simulatore di guida e biliardino.

E’ sostenibile
Quanto all’aspetto della sostenibilità, inEDI è alimentato al cento per cento da energia proveniente da fonti rinnovabili e le scrivanie sono realizzate con materiale riciclato. La cucina è rifornita con prodotti biologici a chilometro zero.