30 aprile 2017
Aggiornato 22:30
biotech

Al via BioUpper, le startup selezionate

Prende il via oggi il periodo di formazione per 17 team che potranno aggiudicarsi il programma di accelerazione di BioUpper in Cariplo Factory

(© Adobe Stock)

MILANO - Parte oggi la settimana di formazione di BioUpper, il programma promosso da Novartis Italia e Fondazione Cariplo a sostegno dei giovani talenti che vogliono creare un’impresa nel settore delle scienze della vita, che quest’anno, alla sua seconda edizione, ha raccolto il 30% di candidature in più rispetto al 2015 (151), a conferma della validità della sua formula innovativa.

I team di Bioupper
Sono 17 i team selezionati da BioUpper, con la collaborazione di PoliHub, l’incubatore della Fondazione Politecnico di Milano, che fino al 17 dicembre avranno la possibilità di vivere una delle fasi più sfidanti del programma. Durante la training week, infatti, gli aspiranti stratupper si «scontreranno» da subito con le reali esigenze del mercato per entrare appieno nello spirito dell’iniziativa.

Più startup dalla Lombardia
I partecipanti provengono da 9 regioni italiane: a livello geografico la zona più rappresentata, come lo scorso anno, è la Lombardia con 5 progetti selezionati. Seguono, rispettivamente, con due progetti ciascuna, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte e Toscana. Presenti anche, Basilicata, Campania, Liguria e Veneto con 1 progetto a testa. Di queste idee, tre appartengono all’ambito delle biotecnologie, dieci a quello dei dispositivi medicali e quattro al settore dei servizi orientati al paziente. Inoltre, come annunciato, due dei team selezionati, hanno recentemente partecipato ad Hacking Health,  movimento internazionale impegnato nel mondo della salute e della cura, che anche in Italia promuove l’innovazione, stimolando la co-creazione tra il mondo della ricerca e della clinica e quello accademico.

(© )

Il training e il programma di accelerazione
Durante la settimana di training week, dunque, i 17 team affronteranno lezioni dedicate alla creazione del modello di business e del piano di sviluppo, tecniche di presentazione dei progetti agli imprenditori,  workshop di confronto e incontri ad hoc al fine di prepararsi al meglio per la presentazione finale di fronte alla Giuria, prevista per il prossimo 10 gennaio. Al termine della presentazione, la Giuria, costituita da rappresentanti del mondo industriale, della ricerca, della finanza e delle istituzioni attivi nello sviluppo di nuove imprese, selezionerà le 10 proposte che accederanno al programma bimestrale di accelerazione che si terrà in Cariplo Factory, realtà innovativa, realizzata grazie all’impegno di Fondazione Cariplo a Milano per favorire lo scambio tra gli startupper. Terminato questo percorso le tre migliori startup otterranno 50mila euro ciascuna.

Alcune startup selezionate
Le startup selezionate vanno dalle biotecnologie ai dispositivi medicali o servizi orientati al paziente. Woundviewer, il primo sistema mobile basato sull’intelligenza artificiale, per l’identificazione e il monitoraggio 3D di ulcere cutanee; HeartWatch, un servizio capace di rilevare, tramite una comune videocamera, i parametri vitali di un individuo necessari a individuare patologie cardiache e respiratorie; Newrosparks, un dispositivo indossabile cha aiuti i fumatori a superare la propria dipendenza mediante stimolazione non invasiva; Alexia, l’unica vasca da parto con i massimi standard di sicurezza in caso di emergenza ostetrica, ideata per promuovere anche negli ospedali l’empowerment femminile; Kit, uno strumento digitale che permette al paziente di ottenere beni e servizi necessari direttamente nella propria stanza d’ospedale, soprattutto in caso di urgenza o ricovero inaspettato. Queste sono solo alcune delle startup che avranno la possibilità di partecipare al programma di BioUpper.