28 marzo 2017
Aggiornato 15:30
a modena

Chi ha vinto il Premio Nazionale dell'Innovazione 2016

Una 48 fatta di grandi personaggi, di grandi storie, di innovazione e di ricerca. Ecco le startup che potranno cambiare il nostro futuro

La startup Panoxyvir (© Credit of courtesy by Pnicube)

MODENA - Uno spray nasale per la prevenzione e la cura del raffreddore. E' questa la startup che ha sbaragliato i competitors e si è aggiudicata di fatto il riconoscimento come startup più innovativa del Belpaese. Insieme a questa iazienda innovativa che mira a rivoluzionare il nostro, futuro anche un dispositivo IoT per la gestione dei rifiuti sanitari pericolosi, un server domestico per trasformare gli hard disk esterni in uno spazio cloud e tecnologie innovative per produrre beni come l’acqua e l’energia. Sono questi i vincitori della XIV edizione del Premio Nazionale per l’Innovazione (PNI), la più grande e capillare business plan competition italiana, ospitata quest’anno dall’Università di Modena e Reggio Emilia, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Modena capitale dell’innovazione
Una due giorni fatta di grandi personaggi, di grandi storie, di innovazione e di ricerca, quella ricerca scientifica e universitaria capace di rompere le barriere e non creare solo vera innovazione, ma altresì aiutare davvero lo sviluppo dell’uomo e del rapporto che questo ha con il mondo esterno. A decretare i vincitori caratteristiche come originalità dell’idea imprenditoriale, realizzabilità tecnica, interesse per gli investitori, adeguatezza delle competenze del team, attrattività per il mercato. A queste startup spettano 1,5 milioni di euro: oltre 500.000 euro in denaro e circa un milione in servizi, offerti dagli Atenei e dagli incubatori soci di PNICube. E, per la prima volta, tutti e quattro i premi settoriali, dell’ammontare di 25.000 euro ciascuno, hanno avuto un main sponsor, segnale estremamente positivo a testimonianza della crescente apertura delle imprese all'Open Innovation.

Premio Chiesi Farmaceutici LIFE SCIENCES e vincitore del PNI 2016
Oltre a essere vincitore assoluto Panoxyvir  (StartCup Piemonte Valle d’Aosta) si aggoiudica anche il premio della categoria LIFE SCIENCES. La startup sviluppa il primo spray nasale antivirale per la prevenzione e la cura del raffreddore comune, avente come sostanza attiva una molecola anti-Rhinovirus di origine fisiologica. «Il raffreddore, l’infezione più diffusa nell’uomo, genera costi socio-sanitari di 40 miliardi di dollari l’anno solo negli USA – dice Andrea Civra, partner e virologo – I rimedi comuni ne mitigano solo i sintomi ma non ne abbreviano la durata. Panoxyvir ha brevettato gli ossisteroli, molecole fisiologiche dotate di una potente attività antivirale contro il rhinovirus, principale causa del raffreddore». Poiché non esistono vaccini o farmaci antivirali in grado di curare o prevenire il raffreddore, al momento Panoxyvir non ha concorrenti.

Premio IREN CLEANTECH & ENERGY
Questo premio va a Re3cube (StartCup Piemonte e Valle d’Aosta), dispositivo IoT innovativo ed ecologico, Re3cube offre una soluzione definitiva alla gestione dei rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo prodotti dalle piccole strutture sanitarie (studi dentistici, veterinari, ecc). Grazie ad una tecnologia brevettata, Re3cube sterilizza e compatta i rifiuti pericolosi nel luogo e nel momento stesso in cui gli operatori li producono, trasformandoli in Combustibile da Rifiuto (CdR). Collegato ad un centro di controllo remoto (device IoT) ne monitora il funzionamento, ne assicura l’affidabilità e provvede automaticamente agli adempimenti normativi.

Premio growITup ICT
Il premio va a Cubbit (StartCup, Emilia Romagna), un piccolo server domestico: collega gli hard disk esterni per trasformarli nello spazio cloud più innovativo, sicuro ed economico che esiste sul mercato. Grazie ad un algoritmo di ridondanza distribuita dei dati, tutti i Cubbit comunicano tra di loro e creano il «cloud distribuito»: una rete orizzontale intelligente che abbatte i costi di mille volte, perché non ha bisogno di giganteschi server centrali per funzionare. Sono già in corso partnership con dPixel, ASTER, Luiss Enlabs, Gruppo Barletta e Confindustria RE.

Premio BPER Banca INDUSTRIAL
Il premio va a ResourSEAs (StartCup Sicilia), un ciclo integrato che dal mare produce acqua dolce, sale, idrossido di magnesio ed energia, questi ultimi con tecnologie innovative messe a punto in recenti progetti di ricerca. L’obiettivo è sviluppare tecnologie per l’integrazione di processi volti a produrre beni primari dall’acqua di mare, quali dissalazione per la produzione di acqua dolce, cristallizzazione frazionata per la produzione di sale, precipitazione reattiva per il recupero di magnesio e tecnologie SGP per la generazione di energia dalle salamoie in uscita.

Altri premi speciali sono stati assegnati alle startup: Atlas, Co-Robotics, Bixbis, Foodsense, Glassense, Megaride, Musa, Robot4children, Sphera.