28 marzo 2017
Aggiornato 15:30
round di finanziamento da 7,4 milioni

Depop, il mercatino social conquista gli USA: round da 7,4 milioni

Un po' social network un po' e-commerce. La startup italiana Depop sbarca negli USA con un nuovo round di finanziamento del valore di 7,4 milioni di euro

(© Credits photo courtesy of H-Farm)

LONDRA - Fai un mercatino digitale, specializzato in «abiti da quardaroba», dai la possibilità alla community di interagire e potrai sbarcare negli USA, dopo un round di finanziamento da capogiro, ben 7,4 milioni di euro. E’ questa la storia (detta così sembra facile) di Depop, startup creata all’interno dell’incubare H-Farm dall’italiano Simon Beckerman e poi trasferita a Londra.

Il social network degli abiti
Un approccio unico, metà social network dove postare foto di abiti e chiacchierare di moda e nuove tendenze e metà e-commerce, dove è la stessa community ad avere la possibilità di vendere e acquistare abiti interagendo con gli altri utenti. E il tutto dal proprio smartphone, diventato oggetto inseparabile, dove è possibile creare il proprio store, seguire persone interessanti e fare acquisti unici. Oggi si racconta attraverso numeri molto interessanti: 4.7 milioni di utenti, una media di 1.6 milioni di oggetti nuovi caricati al mese nella piattaforma, 500.000 oggetti venduti al mese e 70 persone nel team.

Depop sbarca negli Usa
Il nuovo round di finanziamento è stato sottoscritto dai fondi Balderton Capital, Holtzbrinck e Creandum, assieme a Red Circle Investments e Lumar. I nuovi fondi serviranno alla società per svilupparsi maggiormente in USA, aumentare la propria community e, confermare l’app come uno dei progetti di mobile-commerce più interessanti del settore moda. Siamo in zona scale-up, la fase in cui un’azienda innovativa può diventare davvero grande e, sogni a parte, conquistare il mondo. «Sono entusiasta per la fiducia accordata a Depop da investitori così importanti sia per il mondo delle startup che per quello della moda - dichiara il fondatore Simon Beckerman -. La sfida ora consiste nel far crescere sempre di più il nostro progetto e la nostra community anche nel Nord America; dopo gli ottimi risultati ottenuti in Italia e UK siamo pronti ad espanderci sempre più a livello internazionale».

(© )

Un successo preannunciato
Un successo quasi preannunciato quello di Depop, dopo i 5 milioni di euro ottenuti nel 2014 e i 3 nel 2015, che fa ben capire dove e come gli investitori oltre oceano stiano puntando gli occhi (e i soldi). Del resto il meccanismo della startup è davvero molto semplice e immediato: basta scattare una semplice fotografia per mettere in vendita un’abito e ottenere subito i pareri della community. Un successo che fa leva sulle capacità imprenditoriali anche di H-Farm, primo a credere nelle potenzialità di Depop: «La crescita e l’espansione di Depop sono motivo di orgoglio per H-FARM, il suo successo è quello che noi ci auspichiamo sempre per tutte le realtà che nascono e crescono qui da noi - afferma il fondatore di H-Farm Riccardo Donadon -. Grazie a questo round di finanziamento, Depop ha l’opportunità di svilupparsi su un mercato che ha già risposto molto bene, ma che è estremamente competitivo e richiede grandi capitali per lo sviluppo».

Un servizio più custom
Ora la startup punta all’intelligenza artificiale in modo da permettere agli utenti di trovare in pochissimo tempo l’oggetto che stanno cercando o che suggerisca loro le migliori persone da seguire. Secondo obiettivo creare un sistema di pagamento tutto integrato, attraverso la collaborazione di fornitori terzi. La vision, nonostante l’espansione, resta sempre la stessa: mettere in contatto i guardaroba delle persone.