25 maggio 2017
Aggiornato 16:00
impresa tech

Collaboration aumenta la competitività, ma le aziende sono ancora indietro

La strategia di collaboration è spesso utilizzata per aumentare il fatturato e le vendite, ma secondo un quinto delle organizzazioni intervistate, la strategia medesima non ha apportato i frutti sperati

MILANO - La tecnologia non è in grado di migliorare la competitività delle organizzazioni globali. E’ questo quanto emerge dalla nuova ricerca del Connected Enterprise Report 2016, pubblicata oggi da Dimension Data. Il Report offre una panoramica sullo stato dell’implementazione delle strategie di collaboration ed evidenzia le tendenze e le discontinuità emerse dal contributo di aziende di tutto il mondo. I risultati sono il frutto di uno studio condotto su 900 partecipanti in 15 paesi. Gli intervistati includono direttori IT, CIO, responsabili delle line of business all’interno di organizzazioni con più di 1.000 dipendenti.

Collaborazione per aumentare fatturato e vendite
Secondo un quinto delle organizzazioni intervistate la tecnologia di collaboration non ha prodotto i frutti sperati nell’ottica di miglioramento della posizione competitiva. Tuttavia, l’87% delle aziende sostiene che l’uso di tale tecnologia ha migliorato il lavoro dei team mentre l’88% dichiara che ha velocizzato i processi decisionali. Joe Manuele, Group Executive - Communications di Dimension Data, mette in evidenza come, oltre ad aver migliorato la produttività dei dipendenti e il lavoro di squadra, la collaboration è sempre più scelta come strumento per aumentare il fatturato e le vendite. Circa il 14% - il secondo numero più alto di rispondenti nel Report – ha dichiarato che il miglioramento delle vendite è tra gli obiettivi primari delle proprie strategie di collaborazione, mentre un terzo delle organizzazioni sostiene che l’aumento delle vendite rientra tra i primi tre parametri di misurazione del successo dei propri progetti di collaboration. «Le aziende hanno potuto constatare differenti livelli di successo riferibili a diverse aspettative riposte nell’adozione della tecnologia di collaboration - ha spiegato Brian Riggs, uno dei principali analisti Enterprise Services della società di ricerca, Ovum -. L’efficacia è attestata nel migliorare il lavoro dei team e la produttività, in parte grazie al frequente coinvolgimento diretto dei dipendenti affinché ciò accada. Ma sfruttare la collaboration per aumentare la competitività o velocizzare i processi di business può essere molto più complicato. Questo, infatti, implica grandi cambiamenti nelle modalità con cui le aziende fanno business e del loro ruolo all’interno del mercato di riferimento. Questi cambiamenti richiedono sforzi e tempi più lunghi».  

Incremento della collaborazione social
Un quarto delle organizzazioni intervistate ha dichiarato che il successo dei progetti di collaboration viene misurato sulla base del livello di implementazione della tecnologia rispetto alle modalità di utilizzo e al livello di adozione. Ciononostante, attualmente, meno del 25% delle organizzazioni fa affidamento su servizi di collaborazione hosted. All’interno di un’organizzazione su tre la collaborazione aziendale social viene utilizzata da tutti i dipendenti – o dalla maggior parte – e circa la metà delle aziende intervistate ha dichiarato che prevedono un incremento nell’utilizzo della collaborazione social nel prossimo anno.